Sei un dipendente privato e hai bisogno di una somma di denaro in modo rapido e sicuro?

Vuoi la comodità di una rata fissa e senza sorprese?

La cessione del quinto fa sicuramente al caso tuo.

Ora che sai che cosa è la cessione del quinto e come funziona, di seguito puoi trovare una guida dettagliata in risposta ai dubbi relativi alla cessione del quinto per i dipendenti privati.

Potrai inoltre effettuare una simulazione per la cessione del quinto in modo completamente gratuito e senza impegno.

La normativa che regola la cessione del quinto per i dipendenti privati

La prima normativa che regola la cessione del quinto è la Legge 180/50 che risale al 5 gennaio 1950.
Successivamente nel 2005 sono state introdotte importanti novità, tra cui l’estensione di tale servizio anche ai lavoratori privati.
La cessione del quinto è un diritto inderogabile del lavoratore ed il datore di lavoro non può opporsi dal concederlo.

Requisiti cessione del quinto dipendenti privati

Come già abbiamo anticipato, la cessione del quinto è un modo facile e veloce per richiedere somme di denaro, proprio per questo i requisiti principali sono solo tre:

1. avere un’età compresa tra i 18 ed i 63 anni;
2. avere un contratto a tempo indeterminato;
3. avere la residenza in Italia.

Quale documentazione è necessaria per richiedere la cessione del quinto?

I documenti che servono per effettuare la richiesta di cessione del quinto sono pochi e facili da reperire.
Sarà necessario avere:

• La carta d’identità
• Il codice fiscale
• L’ultima busta paga
• E la CU (certificazione unica) dell’anno procedente.

Ovviamente tutti i documenti dovranno essere in corso di validità.

Cessione del quinto per aziende con meno di 15 dipendenti

Per quanto riguarda la cessione del quinto per aziende con meno di 15 dipendenti, chiamate anche “piccole aziende”, vi sono degli accorgimenti aggiuntivi di cui tener conto per richiedere il prestito.
In aggiunta a quanto indicato prima è necessario lavorare presso un’azienda che abbia una delle seguenti forme giuridiche:

• Società a responsabilità limitata (SRL)
• Società in nome collettivo (SNC)
• Società per azioni (SPA)
• società in accomandita semplice (SAS)

Per quanto riguarda le altre forme societarie, difficilmente la cessione del quinto viene accettata, puoi comunque contattarci QUI per verificare il tuo caso specifico in modo gratuito e senza impegno.

Cessione del quinto con contratto a tempo determinato

Se hai un contratto a tempo determinato, hai ancora qualche possibilità di poter richiedere il prestito con la cessione del quinto.
In che modo?
Le rate verranno trattenute direttamente dallo stipendio, quindi è possibile richiedere la cessione del quinto a patto che il piano di ammortamento non superi la data di fine contratto di lavoro.
In questo caso è indispensabile fare una valutazione su misura per la tua casistica ed esigenza, possiamo aiutarti gratuitamente e senza impegno, clicca QUI per avere maggiori informazioni.

Valutazione azienda per cessione del quinto

Come viene effettuata la valutazione dell’azienda per la cessione del quinto?

Al momento della richiesta di cessione del quinto per i dipendenti privati, sarà obbligatorio sottoscrivere due polizze assicurative.

La prima la polizza che tutela la premorienza, in caso di decesso, sarà infatti l’assicurazione a saldare la parte del prestito restante.
La seconda è quella che riguarda il rischio impiego, ovvero la copertura per la perdita del lavoro.
Per stipulare questa seconda polizza, le compagnie assicurative attribuiscono ad ogni azienda un “coefficiente assicurativo” ovvero un numero che va da 3 a 6, necessario per valutare l’affidabilità economica delle aziende.
Questo coefficiente è indispensabile per poter valutare l’importo massimo che un dipendente privato può richiedere.
Ovviamente 3 corrisponde al valore più basso il quale è sinonimo di una scarsa solidità, mentre 6 è il valore più alto che tendenzialmente viene indicato per aziende che dispongono di ingenti somme di capitale.
Più è alto questo coefficiente, più sarà facile ottenere la cessione del quinto.

Cessione del quinto : requisiti aziendali

Tra i requisiti fondamentali che le aziende devono avere per la cessione del quinto troviamo:
• L’anzianità dell’azienda.
Per poter accedere al prestito con cessione del quinto è necessario che l’azienda dove si è assunti, abbia già depositato almeno due bilanci.
L’anzianità aziendale è uno dei principali requisiti che viene valutato, se l’azienda per la quale si lavora è molto giovane, potrebbe essere più difficile ottenere il credito.

Estinzione anticipata della Cessione del quinto dello stipendio

E’ possibile estinguere la cessione del quinto? La risposta è Sì.
L’estinzione anticipata dell’importo residuo è sempre possibile in qualsiasi momento, come indicato dalla normativa che regola la cessione del quinto.
Se prevista dal contratto sarà necessario pagare la penale, che comunque non potrà superare l’1% del debito residuo.

Quanto tempo ci vuole per ottenere una cessione del quinto?

Se sei arrivato fino a qui ti starai chiedendo quali sono le tempistiche per ottenere la cessione del quinto.
I tempi sono piuttosto veloci, indicativamente variano dai 7 ai 20 giorni.
Con il nostro servizio di “calcolo cessione del quinto” potrai già ottenere una consulenza su misura, basterà inserire i tuoi dati nella tabella.

Scopri subito l’ammontare della tua rata!

Gratuitamente, senza impegno e con l’aiuto di un professionista dedicato

Consulenza gratuita
030 3534556