Tecniche per aumentare il Pil europeo

//Tecniche per aumentare il Pil europeo

Tecniche per aumentare il Pil europeo

Le svalutazioni competitive sono da sempre presenti nella storia economica e, quindi, anche al giorno d’oggi con l’attuale situazione di crisi. L’espressione “guerre delle valute” è molto utilizzata ed indica la volontà di alcuni Paesi di abbassare il valore della loro moneta per essere più competitivi all’estero, esportare in misura maggiore, in modo da dare una scossa all’economia.
Il metodo impiegato maggiormente per abbassare il valore della moneta è quello di stamparne in quantità elevata, diminuendo così il suo valore. Svalutando la moneta di un Paese non è detto che ciò si rifletta nell’economia reale con un aumento dell’inflazione perché bisogna considerare anche l’aspetto legato alla velocità. La possibilità che la svalutazione monetaria e l’inflazione si assomiglino è più elevata nel caso in cui la moneta che viene stampata circoli nell’economia reale con la medesima velocità con la quale viene immessa, dagli istituti di credito, nel sistema. Per far calare il valore della valuta le banche centrali possono utilizzare un altro metodo, ovvero venderla.
Una terza possibilità di svalutazione della moneta riguarda i Paesi che fanno parte di un’unione valutaria a cambio rigido come l’euro e che producono meno inflazione degli altri con la stessa valuta.
I primi 11 Paesi sono entrati nell’area euro nel 1999 e, durante questi anni con la moneta unica, sono quelli che hanno prodotto i più alti deficit commerciali. La Germania ha avuto, dal 2000 ad oggi, il tasso d’inflazione complessivo più basso (25,5%), mentre l’Italia è al 39%.
Situazione grave per la Spagna, per la Grecia ed altri Paesi con un’inflazione elevata che, al contrario della Germania, non sono riusciti ad incrementare le esportazioni di denaro e merci, rispetto ai consumi interni. Sono questi ultimi, infatti, a causare più inflazione.
La crisi dell’euro ha portato alla luce diverse problematiche come la diversità di inflazione tra Paesi con la stessa moneta, lo spread sui finanziamenti interbancari e sui titoli di Stato.

2014-07-17T11:53:19+02:0021.06.2013|Tag: , , |