Cambia l’Euribor

//Cambia l’Euribor

Cambia l’Euribor

Il modello destinato al calcolo del nuovo Euribor si fonda su tre diversi livelli: la definizione dei tassi sulla base delle operazioni di mercato effettuate regolarmente dalle banche del panel; l’introduzione dei dati relativi alle scadenze prossime ed, infine, la combinazione dei dati esaminati su altri mercati. 

L’obiettivo della manovra è quello di rendere l’Euribor in linea con la Bmr, il nuovo regolamento europeo in materia di indici usati come benchmark; l’European Money Markets Institute (Emmi) ha confermato che entro la metà di quest’anno sarà richiesto all’Fsma (autorità belga per i servizi finanziari e i mercarti) di poter svolgere l’attività di amministratore del tasso e, successivamente, le 19 banche del panel inizieranno ad utilizzarlo: la manovra dovrebbe essere conclusa entro la fine del 2019.

Secondo Ricardo Bua Odetti, responsabile Market Risk di PwC, Emmi sta rendendo lento e difficile il passaggio di consegne, anche se, riconosce, la motivazione è quella di permettere agli operatori di abituarsi alla novità. 
L’Eurozona si presenta attualmente come una struttura in cui vi sono due diversi tassi di riferimento: Ester, introdotto dalla Bce in sostituzione di Eonia, sulle transazioni overnight e l’Euribor ibrido a cui sta lavorando Emmi; Odetti, però, sottolinea “ Non è detto che questo sia l’unico scenario possibile per il futuro”. 

Sarà fondamentale vedere come reagiranno i tassi sul mercato: uno dei principali punti interrogativi riguarda l’adeguamento dei contratti di mutuo in essere e basati quindi sul vecchio sistema di calcolo dell’Euribor. Secondo gli analisti, le famiglie possono stare tranquille, anche se le stime potranno essere confermate solo nel momento in cui i tassi entreranno concretamente in vigore. 

2019-02-21T15:53:36+01:0021.02.2019|Tag: , , , , |
[Click qui per aprire/abbassare la chat]