BoE: interventi post Brexit

//BoE: interventi post Brexit

BoE: interventi post Brexit

La Banca centrale d’Inghilterra ha tagliato a zero il capitale, informando che eviterà aumenti almeno fino al prossimo anno: in questo modo si consentirà alle banche di concedere i crediti ad imprese e famiglie con maggiore facilità.  La stessa BoE ha riferito di avere già riscontrato dei segnali relativi alla fuga di capitali esteri.

Un altro intervento della BoE riguarda il blocco di aumento dei dividendi agli azionisti delle banche, nel caso in cui non abbiano più i requisiti per poter spingere i prestiti: l’obiettivo è quello di evitare l’aumento di dividendi delle banche, dopo questa decisione relativa alla distensione dei requisiti di capitale. Tale comunicazione ha provocato una forte caduta dei titoli in Borsa. E’ comunque da sottolineare che, già prima della Brexit, la Barclays e la Royal Bank of Scotland avevano bocciato l’idea di saldare, a breve, i dividendi agli azionisti.

Lo stesso governatore Mark Carney si è espresso a riguardo, confermando che il ribasso della sterlina è stato necessario per aggiustare l’economia alla nuova situazione post- Brexit, e sottolinea che il rallentamento dell’economia dipende da altri e variegati fattori. Termina il suo intervento, sottolineando che le banche inglesi dispongono di ingenti quantità di capitale, tali da non destare preoccupazione relativamente alla disponibilità di credito.