Bce: tassi fermi fino a fine 2019

//Bce: tassi fermi fino a fine 2019

Bce: tassi fermi fino a fine 2019

Il presidente della Bce Mario Draghi conferma: “Abbiamo deciso di lasciare i tassi d’interesse invariati e continuiamo ad attenderci che si mantengano su livelli pari a quelli attuali almeno fino a fine 2019”. La Bce vuole reinvestire il capitale rimborsato sui titoli in scadenza dopo la data del primo rialzo dei tassi: le varie misure sono state adottate all’unanimità, pensando al modo migliore per garantire prezzi stabili. Alcuni governatori hanno proposto di prolungare fino a marzo 2020 la “forward guidance” ma, alla fine, si è deciso di aspettare solo fino la fine dell’anno.

Le stime di crescita dell’Eurozona, secondo la Bce, sono più basse rispetto a quanto prospettato a dicembre, soprattutto per quanto riguarda il Pil e l’inflazione. Secondo il presidente della Bce, l’Eurozona sta attraversando un momento difficile e di forte incertezza, anche se le possibilità concrete di recessione sono molto basse. I motivi che alimentano le stime al ribasso sono vari: “Uno di questi è certamente l’Italia”, dice Mario Draghi, anche se i fattori principali restano la minaccia del protezionismo, la Brexit, la situazione della Cina e i mercati emergenti molto vulnerabili.

Sempre secondo il presidente, il rischio che l’economia dell’Eurozona possa dipendere troppo dalla politica monetaria è limitato: “Stiamo parlando di un’economia che rallenta, ma che è ancora in crescita, crescono i salari e migliora la situazione del mercato del lavoro, per cui bisogna mettere tutto in prospettiva”.

In merito alle nuove operazioni di T-Ltro di maxi prestiti alle banche, Draghi precisa: “ Rispondono a una varietà di obiettivi” e, aggiunge: “Abbiamo deciso di reintrodurre le aste Tltro per minimizzare il rischio che i fondi presi a prestito con le aste a lungo termine possano essere utilizzati, come avvenuto in passato, per l’acquisto di bond sovrani. Il nostro obiettivo è che i fondi siano usati per erogare credito a imprese e famiglie”. La nuova serie di aste inizierà a settembre 2019, continuerà fino a marzo 2021 e le condizioni di credito delle banche resteranno favorevoli.

2019-03-26T12:21:37+01:0026.03.2019|Tag: , , , , |
[Click qui per aprire/abbassare la chat]