7 Febbraio 2019

Eurozona: crescita lenta

Nel corso di una riunione davanti al Parlamento europeo, il presidente della Bce Mario Draghi ha messo in allerta i governi con alto debito pubblico, come quello italiano: la banca centrale è pronta a contrastare il rallentamento economico, ma i governi devono avere presente che l’indebitamento porta ad una perdita di sovranità perché l’ultima parola spetta ai mercati.

La situazione attuale è più debole rispetto a quanto ci si aspettava; inoltre, i fattori geopolitici, la minaccia del protezionismo e la Brexit continuano a causare incertezza. A questo riguardo Draghi specifica: “ Il consiglio direttivo è pronto ad agire in modo appropriato con tutti gli strumenti a disposizione”.

Nelle scorse settimane, il consiglio direttivo ha annunciato che i tassi d’interesse resteranno invariati per un periodo più lungo del previsto; il mercato si aspetta dei rialzi verso la metà del 2020. Per quanto riguarda l’Italia, Draghi specifica: “L’economia italiana è cresciuta e sta crescendo meno delle altre economie della zona Euro”, ma ha aggiunto che è ancora presto per decidere se il governo Conte deve modificare le manovre per poter mettere in ordine le finanze pubbliche.

Il presidente ha esortato i paesi della zona Euro a restare uniti sul fronte economico e politico; ha sottolineato che la moneta unica ha aumentato l’occupazione, dal 59% al 67%, anche se il ruolo dell’Euro si è indebolito nel corso degli ultimi anni.

Condividi questa pagina su...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print